Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
1.1.IL PARANORMALE - Giorgio di Simone
1.2. Il Mistero della Vita Umana e della Ricerca Psichica
1.3. Perchè siamo sulla Terra
1.4. A proposito di...
1.5. Riflessioni
1.6. wwNw
1.8. L'"ultimo nato"
2.1.CHANNELING - MariaGrazia
2.2. Cos'è il Channeling?
2.3. Comunicazioni da altre dimensioni
2.4. Le Parole del Mondo
2.5. Riflessioni
2.6. wwNw
I NOSTRI OSPITI
Il SurjaForum



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge
 SurjaWorld

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
4. Il filosofo, il "diavolo" e padre Smith

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
Dal libro di G. di Simone “L’Altra Realtà (pag. 147- Genova 2003


Il Filosofo: “… Decisamente non mi sembra una cosa seria, oggi, continuare ad affermare che il Diavolo esiste…Che tu, simbolo del “Male” (cos’è poi veramente il “male”?) esista come persona, tu e tutta la presunta schiera dei tuoi sudditi e sottoposti. Ma limitandoci a parlare solo un po’ di te, come Principe delle cosiddette tenebre – senza confonderti con Dracula – perché tutto il resto non conta: è ancora più fantasia e invenzione.
Già come simbolo saresti un’altra cosa, un’immagine neanche tanto chiara e basta. Figuriamoci!

Ma ammettiamo per un momento, e solo per un momento, che tu non sia soltanto una figura spaventapasseri, inventata, creata dalla cattiva coscienza dell’uomo e della donna, ma un essere reale, esistente…Ahi! Qui già urtiamo contro un ostacolo dialettico piuttosto ostico, cioè il concetto di Essere, ma per ora lasciamo perdere, altrimenti chiudiamo subito l’argomento e non se ne parla più…”.
Il “Diavolo”: “No, mio caro illuso, non chiuderemmo proprio niente! D’altra parte è già molto, come concessione, che io sia qui a discutere della mia esistenza (vuoi toccarmi, per caso?!), mentre avrei molto da fare, in giro per questo appetitoso mondo, con tutte quelle anime traballanti, indecise o ammalate di superbia…
No, andiamo avanti!

Che vuoi di più. Sono qui davanti a te e, forse commettendo uno sbaglio – che l’Inferno mi aiuti! – sono venuto meno al principio secondo cui, per mia pura astuzia, devo sempre far credere che non esisto…Ormai sono qui e possiamo continuare, alla fin fine tutto questo potrebbe anche rivelarsi un buon affare per me…”.
Il Filosofo: “Vogliamo scherzare!…In questo momento, e per pure e semplici esigenze dialettiche, la tua persona è apparsa grazie al mio desiderio di discussione, anche se ritengo che per il sottoscritto questa sia una discussione completamente inutile; come dovrebbe esserlo per ogni persona intelligente che ragioni con la propria testa. È una vera perdita di tempo. Comunque, può anche essere divertente continuare questa farsa…”.

Il "Diavolo": “Dimentichi che non siamo soli. Ho invitato qui anche Padre Smith che, paradossalmente, è quasi il mio difensore d’ufficio. Ha anche le carte in regola per esserlo, non ti pare?”.
Il Filosofo: “Un corno! Oh, Oh, scusa! Ma è inutile che tu bari: Padre Smith l’ho evocato io, come ho evocato te, tanto per fingere di non essere solo a discutere su questo argomento, e non certo per me, che non ne ho bisogno, ma per gli altri, quelli che ancora, tremebondi, faticano a capire che tu non esisti. Che postulare, ammettere la tua esistenza è un autentico non-senso, in una parola, che uso poco: è un’assurdità bella e buona!
P.Smith: “…Se permettete…visto che ormai sono qui anch’io con le mie idee (e non solo con le mie), posso dire qualche parola?”.

Il Filosofo: “Ma certo, anzi…”.
Il “Diavolo”: “Va bene, Smith, purché stia lontano da me, con tutta la sua chincaglieria”.
P. Smith: “Bene. Vogliamo cominciare dall’antichità più remota (Arimane, etc.) o soltanto dal Nuovo Testamento, dai Vangeli, dalla “Geenna”, dallo “stridor di denti”…dalle schiere di porci in cui i dèmoni, si rifugiarono? Oppure vogliamo ricordare il grande Tentatore dello stesso Gesù, là, nel deserto?…”.
IL Filosofo: “Padre Smith, per carità! Mi meraviglio di lei. Questi argomenti non valgono un soldo bucato e lei in fondo lo sa. Tutti i riferimenti del Cristo all’ipotetico “Principe degli Abissi”, qui fuggevolmente presente, si possono spiegare benissimo senza scomodare né lui, né l’inferno.

Eppoi, lei lo sa meglio di me. Come avrebbe potuto il Cristo, duemila anni fa, spiegare a delle turbe ignoranti e un po’ ottuse, come stessero esattamente le cose?! Ci hai mai pensato, padre? Ma quale grande tentazione nel deserto, in quei famosi quaranta giorni (che forse furono più umanamente quattro). La “Tentazione”, se così vogliamo chiamarla, veniva dallo stesso travaglio interiore di Gesù, ancora oscillante tra il senso umano della sua missione e quello divino o, meglio, spirituale..”
IL “Diavolo”: “Non ne sarei tanto sicuro!”.
P. Smith: “E l’opera di redenzione dai peccati, allora?! Il peccato, caro il mio filosofo, è dovuto alla sottile, subdola istigazione che proviene dal Diavolo, da Satana, da Belzebù o che dir si voglia. Da chi altri sennò?”.
Il “Diavolo”: “Personalmente preferirei essere chiamato come in questa noiosa discussione…”.

Il Filosofo: “Andiamo, Padre Smith, non mi dirà che non ha mai letto di psicologia e psicoanalisi! Ma cos’è il “peccato” se non il prevalere nell’essere umano di spinte o “pulsioni” egoistiche o egocentriche, necessariamente, data la sua costituzione mista che oscilla perennemente (sì, anche nei migliori) tra l’ansia di Conoscenza superiore – l’autentica Luce dell’autoconoscenza da ritrovare – e l’istinto dell’animale; arricchito, ahinoi! e reso perverso dalla cultura scolare e dall’intelligenza deviata…”
Il “Diavolo”: “Queste sono chiacchiere! Fatto sta che, secondo il parere di certi vostri “esperti”, non se ne salva uno di essere umano, uomo o donna che sia…Eva…”.
Il Filosofo: “Non ricominciamo con queste baggianate su Adamo, Eva, il Serpente…il Paradiso “perduto”…Risparmiamoci almeno queste favole da far dormire”.
P.Smith: “Su questo le do ragione”.
Il Filosofo: “Soltanto su questo? Ma se i vostri stessi acuti teologi, anche se malvisti a Roma, hanno recentemente accennato ad un eventuale inferno deserto, tanto per salvare capra e cavoli, per il momento!”.
Il “Diavolo”: “Posso testimoniare che le cose non stanno esattamente così!”.

Il Filosofo: “Ma ti accorgi, ombra di un’ombra, che la tua debole figura sta impallidendo? Che malgrado i miei sforzi per darti qualche minuto di vita, ti stai disgregando a vista d’occhio!”.
P.Smith: “E la Chiesa? I suoi Padri, i suoi dogmi, le innumerevoli testimonianze sulla esistenza e la costante presenza di questo essere immondo, causa di tutti i mali della Terra?… Come è possibile negare questo?…Il Diavolo serve a…”.
Il Filosofo: “Ecco, sapevo che lei si sarebbe tradito! La verità è che il “Diavolo” serve a voi. Si potrebbe quasi sospettare che sia stata una vostra invenzione, per mantenere il vostro potere ideologico, psicologico e temporale – comunque effimero e illusorio – sugli uomini e le loro anime, le loro azioni, la loro libertà di esperienza. Certo, l’idea di un “Avversario” da opporre a Dio, può essere stata veramente ottima, sotto tutti gli aspetti. Per voi s’intende! E ammetto volentieri che può essere stata anche una cosa utile nei secoli bui, quando gli uomini, lontani da ogni luce, da ogni segno spirituale, avevano bisogno di temere il “Demonio” – pardon, il “Diavolo”! – e le sue fiamme “eterne”, per non cadere ancora più in basso, completamente in preda degli istinti sub-umani, anche se ho delle riserve su questo punto…
Comunque non può negare, padre Smith, che di riffe o di raffe, la personificazione del “Principe del Male”, e non più il suo nebuloso simbolo, sia stata di grande aiuto, anche se oggi la cosa è diventata in parte una specie di “zappata” sui piedi, con tutte queste sette, queste messe nere che infettano questa nostra – come devo chiamarla? Civiltà?!

Oltre tutto è molto comodo, un po’ per tutti, avere sottomano un caprone espiatorio della grandezza (si fa per dire!) del “Diavolo”. Nel senso che, alla fine dei conti, tutte le colpe sarebbero sue…Non è certo questo il mezzo più adatto a far crescere spiritualmente uomini e donne…”.
Il “Diavolo”: “Ma, come hai giustamente detto, ho i miei bravi seguaci terreni…Sapessi quante cerimonie, quante candele rosse e nere…e soprattutto quante anime!”.
Il Filosofo: “E’ inutile che ti gonfi d’orgoglio, ne sei già pieno, secondo la leggenda! Illudendoti di essere reale. Sei soltanto una finzione scenica e basta! Comincio a stancarmi e cercherò di concludere. Padre Smith può anche andarsene, se vuole: dissolvendosi…Ma no! Forse la mia conclusione può interessarlo, anche se ne dubito. Anche i fantasmi, i personaggi da copione creati dalla nostra mente, possono avere una loro opinione…Che tu rimanga o no, mio caro “Diavolo”, non ha nessuna importanza, naturalmente. Vedete, il nodo di tutta la faccenda è la dimensione tempo. Se, infatti, accettiamo l’esistenza di Dio come Ente dal quale tutto è stato emanato (“creato”) – e non potrebbe essere considerato diversamente, anche il “tempo” è a Lui soggetto, questo significa che Dio è fuori dal tempo (1).

Ciò vuole anche dire, in altra forma, che Egli domina l’Eternità. Il particolare, per quello che ora ci interessa, questo significa che per Lui una figura come quella del “diavolo” non esiste, non può esistere! Inoltre, tutto ciò vuole anche dire che, se per assurdo, un improbabile “angelo ribelle” fosse realmente esistito, l’Eternità di cui Dio è artefice, di cui Egli è l’Alfa e l’Oméga, l’avrebbe immediatamente assorbito, annullandolo nella non-esistenza del tempo. Se questo ragionamento non bastasse potrei tornare per un momento sul tema dell’Essere.
Ma vi rendete conto – non voi due, figure sempre più evanescenti, ma gli altri – vi rendete conto cosa voglia significare l’ESSERE, anche nel riduttivo linguaggio umano? Il concetto dell’Essere è come quello di Dio: o è assoluto, cioè senza limiti, oppure è un non-senso. Se qualcosa Esiste, cioè E’, è così e basta! Razionalmente, logicamente, non può avere né un inizio né una fine: è semplicemente un esistente. Altrimenti appare momentaneamente come una cosa qualunque, ma priva di quella sostanza indefinibile che è il Nucleo portante del vero Esistere. Allora, può forse esistere all’infinito, nell’Assoluto, qualcosa di opposto a Dio? Qualcosa o Qualcuno che possa contraddirlo in eterno? No, altrimenti Dio non sarebbe più Assoluto, cioè non sarebbe Dio!
Conclusione numero due: il “Diavolo”, come Principio eterno opposto a Dio, non esiste, e se non esiste come Principio eterno, a maggior ragione non può esistere nemmeno come principio relativo e finito. Oltretutto, l’Eternità “anteriore” (divina contraddizione che non possiamo sperare di comprendere) in tal caso lo avrebbe assorbito, cioè annullato, e torniamo al discorso fatto prima.

Il Filosofo prosegue nelle sue meditazioni, magari su argomenti più “consistenti”, mentre la labile figura del nostro “diavolo”, personaggio ormai abbandonato dai suoi pensieri, si estingue in una illusoria frazione di non-tempo.
© G.di Simone - Tutti i diritti riservati. È vietato utilizzare i testi, anche parzialmente, senza autorizzazione dell'Autore.

NOTA 1 –
Il tempo è connesso col “divenire”, non con l’Essere. Poiché il divenire è un’illusione – perché il suo farsi renderebbe altrimenti nulla la sostanza dell’Essere – anche il tempo lo è. Siamo dunque con esso ancora e sempre nel campo relativo, cioè nel campo di ciò che non può riguardare Dio come Assoluto. Un certo sviluppo di queste tematiche si può trovare nel mio libro Parapsicologia di frontiera (Scienza e Umanesimo. La Quarta Via), Mediterranee, Roma 1989.
Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui


Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui
In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.
Non dimenticarti di iscriverti alle
NewsLetter del SurjaRing!


Vuoi un regalo dal SurjaRing? clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.